Il progetto

Il progetto

Nel 2006 l’associazione per la tutela del patrimonio culturale di Laces (HPV) ha visitato la chiesa di San Nicolò in occasione dell‘assemblea generale. Ha subito notato che la chiesa non era in buone condizioni. „Siccome uno dei nostri compiti è quello di proteggere i beni culturali di Laces, ci siamo messi al lavoro, anche se a quel punto ancora non sapevamo che si trattasse di un progetto così grande. All’inizio volevamo soltanto salvare dal degrado la chiesa di San Nicolò”, spiega l’ex presidente Hannes Gamper.

L’HPV ha iniziato da solo ad eliminare la muffa dall’interno. Dopo una prima valutazione l’associazione di Laces ha capito che per questo progetto ci voleva un proprio gruppo di lavoro per poter continuare parallelamente le attività normali dell'HPV Latsch. I membri di questo gruppo di lavoro erano Hannes Gamper, la forza trainante del progetto, l’attuale presidente dell’HPV Joachim Schwarz, il referente comunale Mauro Dalla Barba e l’architetto Klaus Marsoner. In consultazione con l’Ufficio Beni Architettonici ed Artistici ci si chiedeva quale sarebbe stata la funzione futura della chiesa. Siccome la chiesa è proprietà del comune di Laces dal 1811, il progetto elaborato è stato presentato al consiglio comunale dove ha ricevuto l'incarico per il risanamento della chiesa con voto unanime. Il primo lotto dell'intervento comprendeva la deumidificazione, l’abbassamento dell’ingresso al livello originale e il restauro dei muri esterni. A causa dell‘umidità persistente è stata scavata una nuova fossa di drenaggio più profonda ed è stato costruito un nuovo muro di cinta. Grazie a contributi della provincia, donazioni dell'associazione „Amici della chiesa di San Nicolò“ e al sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano si è riusciti a finanziare completamente il progetto.

Nel 2008 Manfred Fuchs, cittadino onorario di Laces, ha donato la vetrata della chiesa con la rappresentazione di San Nicolò di Mira. La vetrata è stata realizzata dall’artista Robert Scherer e rappresenta una valorizzazione importante per la chiesa di San Nicolò. L’interno della chiesa è stato completamente restaurato soltanto nel 2016. „Abbiamo scoperto altri affreschi nell’interno della chiesa e abbiamo sistemato un pavimento in acciaio con un impianto di ventilazione sopra il vecchio pavimento già esistente. Per questi lavori abbiamo ricevuto un sostegno finanziario dalla Cassa Rurale di Laces, dall’Ufficio Beni Architettonici ed Artistici, dalla famiglia Fuchs, dalla frazione di Laces e non da ultimo dal comune di Laces. Alla fine il costo complessivo di questo progetto impegnativo era di 180.000,00 euro“, informa Hannes Gamper. A questo punto è già stato deciso di esporre il menhir di Laces nella chiesa di San Nicolò. L’HPV ha riflettuto per molti anni su come e dove esporre il menhir di Laces. Insieme all'amministrazione comunale e alla parrocchia l’associazione per la tutela del patrimonio culturale ha scelto la chiesa di San Nicolò che dopo il restauro offre l'ambiente ideale per esporre questo menhir prezioso. Dal giugno 2017 la chiesa di San Nicolò ospita la mostra „Il menhir di Laces“, realizzata con i mezzi finanziari del programma INTERREG V – Italia-Austria dell’UE nell'ambito di un piccolo progetto della strategia CLLD. La struttura partner è il museo archeologico di Fließ con cui Laces trasmette una parte del progetto „Culti e vita nella preistoria“. (Testo di Rudi Mazagg pubblicato nel mensile „InfoForum“ Laces)

Pugnale
partner_heimatpflege
partner_kulturgemeindelatsch
partner_denkmalpflege
partner_interreg
Terra Raetica

Questo sito utilizza dei cookies per scopi funzionali e analitici. Per saperne di più si prega di leggere le nostre disposizioni relative ai cookies. Utilizzando questo sito web l'utente dichiara il proprio consenso a tali disposizioni.