Laces nell’età del rame

La storia del reperto

Nel 2007 Walter Tscholl, un pediatra da anni interessato di archeologia, ha scoperto ossa e ceramica in un cantiere presso la strada statale di Laces. In accordo con l’Ufficio Beni archeologici Walter Tscholl ha controllato il cantiere per diversi giorni. L'ispezione del luogo e i successivi scavi archeologici dell’Ufficio Beni archeologici hanno portato alla luce un insediamento e un cimitero. Secondo l’archeologo Hubert Steiner sono stati trovati resti di un insediamento nonché features di tomba. I reperti più antichi risalgono indubbiamente all’età del rame, mentre quelli più giovani risalgono alla prima età del bronzo (ca. dal 3.500 al 1.700 a. C.). Inoltre sono state scoperte tombe ad inumazione dell’età del ferro.

L'insediamento al Monte Sole di Laces dell’età del rame e della prima età del bronzo

Probabilmente l‘insediamento scoperto si è esteso a monte fino alle rocce imponenti. Reperti di un focolaio e di residui di argilla indicano un insediamento permanente. Ulteriori indicazioni in questa direzione sono reperti di ossa di animali, parti di vasi di ceramica e oggetti in selce e un’ascia di pietra. Una grande quantità di schegge di selce fanno pensare che gli oggetti siano stati prodotti sul posto. L‘insediamento ha garantito un certo livello di sicurezza agli abitanti che vi abitavano dall’età del rame. Il fondovalle era un paesaggio fluviale. Il corso del fiume Adige variava. L‘insediamento si trovava un po’ più in alto al bordo della valle.

Vita all'acqua

Il profilo stratigrafico dimostra che l‘insediamento si trovava nelle immediate vicinanze di un fiume o vasto paesaggio fluviale-lacustre. L’estesa conoide alluvionale, dove oggi si trova il paese di Laces, ha più volte bloccato il corso del fiume Adige, portando a un ristagno del fiume che dopo qualche tempo ha cercato un nuovo sbocco e rotto la barriera. Le conseguenze erano ripetute alluvioni dell‘insediamento e inondazioni del vicino fiume.

Chi erano gli abitanti di Laces?

Già la scoperta del menhir di Laces non lascia nessun dubbio che un dominante gruppo di abitanti risiedeva a Laces nell’età del rame. L’insediamento dell’età del rame ha anche persistito nella prima età del bronzo, il che rappresenta una singolarità in Alto Adige. Un fattore determinante deve essere stato la posizione nella valle principale e quindi il controllo dello scambio e commercio “internazionale”. In contesto con l’insediamento dell’età del bronzo bisogna anche menzionare il pugnale di Martello dello stesso periodo. In questo periodo il pugnale appare in tutta l’Europa nella categoria sociale più alta. Rappresenta le nuove capacità tecniche della fusione di bronzo nella sua perfezione. L’insegna del ceto alto nell’età del rame rimane il pugnale. Secondo Hubert Steiner per questo possiamo presumere che l’insediamento e il cimitero di Laces si riferiscano a una fascia di popolazione socialmente dominante.

Pugnale
partner_heimatpflege
partner_kulturgemeindelatsch
partner_denkmalpflege
partner_interreg
Terra Raetica

Questo sito utilizza dei cookies per scopi funzionali e analitici. Per saperne di più si prega di leggere le nostre disposizioni relative ai cookies. Utilizzando questo sito web l'utente dichiara il proprio consenso a tali disposizioni.